ALBERGHI A TAORMINA

Alberghi a Taormina

Taormina deve la sua fama alle sue caratteristiche geografiche la città sorgendo su una terrazza a 200 mt. Dalla superficie del mare, sulle pendici del Monte Tauro, nella quale le stratificazioni di diversi periodi storici e differenti civiltà ne fanno un connubio unico tra posto di villeggiatura e crocevia di culture con l’inconfondibile panorama tramare ed Etna.

Accanto alla Taormina greco-romana – con il teatro greco che viene ancora oggi impiegato come struttura teatrale in occasione della manifestazione Taormina Arte – e a quella barocca – dagli arredi urbani di Corso Umberto alla secentesca fontana di Piazza Duomo – c’è la Taormina medievale – con le sue torri e conventi e Palazzi come quello Ducaja che ospita il Museo siciliano di Arte e tradizioni popolari – e quella araba (i Saraceni conquistarono la città nel 902) con una necropoli e un castello posto sulla sommità del Monte Tauro.

Il teatro greco non è l’unico della città. Un Odeon un teatro romano coperto si trova in Piazza Vittorio Emanuele oggi inglobato in parte dalla Chiesa di Santa Caterina.
La città è sede dell’importante Taormina Film Festival cui parte della programmazione avviene all’aperto nel teatro greco.
La città non è solo arte e cultura. Il mare ne è l’attrattiva principale, al quale la città è collegata con una funivia. Oltre la costa che presenta spiacce sabbiose a quelle rocciose, tra scogli e ghiaia, alternandosi in piccole baie sono da visitare anche le grotte che si possono raggiungere via mare da Capo Sant’Andrea.

Qui si erge uno scoglio chiamato dagli abitanti Zi Gennaro uno vero paradiso per gli amanti delle immersioni. Il fondale attorno lo scoglio è infatti di soli 10 mt per poi precipitare appena ce se ne allontana un po’ alla profondità di 45 mt offrendo alla vista una fauna marina esclusiva e particolare.

Di fronte la costa si trova Isola Bella un lembo di terra così vicino alle costa da essere più una penisola che un’isola, denominata, dal barone tedesco Wilhelm von Gloeden, Perla del mare (oggi riserva naturale del WWF). Von Gloeden ha reso famosa Taormina nel mondo alla fine del 1800 per le foto di giovanetti più o meno vestiti che ha immortalato nei suoi numerosi soggiorni nella cittadina.

Le vicinanze della città sono ricche di luoghi da visitare dai Giardini Naxos –con annesso parco archeologico che attesta la più antica permanenza greca in suolo di Sicilia -, una delle baie più rinomate della zona al villaggio balneare di  Castelmola  dal monte Tauro alle Gole di Alcantara e all’Etna un vulcani ancora attivo.

Corso Umberto I offre la possibilità di fare shopping d’estate anche dopo la normale chiusura. Molti i pub e i bar nei quali attendere la sera per una cena magari in uno dei ristoranti con la vista sul mare. D’estate gli orari si fanno più dilatati e nella città si cena non prima delle 22.

})(jQuery)